Egli è altresì scritto…

Blog di Nicola Iannazzo

● Lista delle Eresie e delle invenzioni umane adottate e perpetrate dalla Chiesa Cattolica Romana …

 

luglio 22nd, 2010 Posted by | Battesimo, Canonizzazione dei Santi, Cardinale Newman, Cattolicesimo Romano, Celibato dei preti, Confessione auricolare, Culto a Maria, Culto ai Santi, Giovanni XIV, Giovanni XV, Immacolata Concezione, Indulgenze, Inquisizione, Leone IV, Libri Apocrifi, Lista eresie cattoliche, Monachismo, Onofrio III, Pio IV, Pio X, Purgatorio, Reverendo Stefano Testa, Rosario, Transustanziazione, Venerazione di santi e morti e di angeli | 5 comments

5 Responses to “● Lista delle Eresie e delle invenzioni umane adottate e perpetrate dalla Chiesa Cattolica Romana …”

  1. Nel Nome del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo. Che il Signore ci aiuti a comprendere la verità, allontanandoci dalla via dell’incomprensione.
    Caro fratello, cerco di rispondere alla tua infinita lista di critiche alla Chiesa Cattolica.

    0) Questa è una premessa. Innanzitutto se ci sono più elementi o fonti da citare ne citerò solo una per essere più breve. Comunque le citerò sempre, cosa che tu invece non fai. In secondo luogo rifletti su questo: tu accusi la Chiesa di avere “inventato” tradizioni nel corso dei secoli (anche nei primi secoli d.C) ma sei conscio del fatto che la tua chiesa è stata inventata 1800 anni dopo di tutto ciò?

    1) Falso. Il segno della Croce (se non ti piace Ezechiele 9) risale almeno a Tertulliano (De corona, III) che è nato 150 prima di quel che dici (nel 160 d.C.). La preghiera per i morti è descritta chiaramente in 2Maccabei 12 41-42.

    2) Falso. Luca 16 24 : “ed esclamò: Padre Abramo, abbi pietà di me, e manda Lazzaro a intingere la punta del dito nell’acqua per rinfrescarmi la lingua, perché son tormentato in questa fiamma.”

    3) E dunque sarebbe un’eresia il culto di Dio nei giorni infrasettimanali? Mi sembra eresia il proibirlo.

    4) Falso. Se tu credessi che Gesù è Dio e che nacque da Maria per opera dello Spirito Santo (Luca, 1) faresti l’equazione: Maria è madre di Gesù + Gesù è Dio = Maria è Madre di Dio.

    5) Falso. Ti posso citare il Nazireato (già veterotestamentario es Giovanni Battista) o i Padri del deserto nei primissimi secoli d.C.

    6) Falso. Ti invito di nuovo a leggere 2Maccabei (v punto 1).

    7) Il significato del latino è molto semplice: unire tutto il popolo di DIo (Cattolici=universali) in una stessa preghiera in una stessa lingua. E’ bellissimo.

    8) Falso (v punto 2)

    9) Falso. E’ di origine Divina , non pagana! Come fai a dire una cosa del genere? Leggi Matteo 16 13-19

    10) In Atti si parla addirittura di gente che sgomitava per stare solo all’ombra di san Pietro… Non è devozione idolatrica, è riconoscere il capo della Chiesa.

    11) Ti rendi conto che senza potere temporale oggi l’Europa sarebbe scristianizzata? Hai idea di cosa sia stato il Medioevo?

    12) L’adorazione delle icone è idolatria. La loro venerazione è ovvissimo buonsenso e ci sono esempi molto posteriori a quel che dici (Santa Sabina all’Aventino es)

    Cercherò di completare la lista più avanti, ora ho poco tempo. In breve ti chiedo due cose.
    Io e te siamo in disaccordo. Entrambi citiamo la Bibbia. Io critico la tua tradizione, tu la mia. La mia ha 2000 anni di precedenti, la tua 150 anni (ma avete già cambiato tutte le teorie almeno 10 volte, informati).
    Non è che forse la tua violenza verbale che diffondi in ogni tu post è contro l’insegnamento di Gesù?
    Infine, ti prego di non bestemmiare più lo Spirito Santo (non c’è perdono! Matteo 12) né la Madonna, che è la Mamma di Gesù e ci vuol bene. Anche se non ti fidi di lei :)

    Pace

    Francesco

  2. 13) Falso. La Constitutio Apostolica di 450 anni prima ne parla già e ne attribuisce l’istituzione a san Matteo Apostolo.

    14) Falso. La presenza di almeno 4 testi apocrifi col nome di san Giuseppe nel titolo risalenti a un periodo anteriore al 350 è segno evidente che la sua venerazione fu da sempre radicata in Terra Santa.

    15) Falso. Salmo 150 5 “Lodatelo con cembali sonori, lodatelo con cembali squillanti.”

    16) Falso. Mi viene in mente per prima santa Cecilia, martire cristiana del secondo secolo d.C. (!!) la cui tomba è ancora visitabile con la scritta sopra “Sancta Caeceilia”

    17) Falso. E’ documentato tale digiuno dal II secolo e l’ufficializzazione è del 300 d.C.

    18) Nella Messa si offre a Dio il sacrificio perfetto del Figlio. Se non credi ciò non sei cristiano.

  3. Francesco, risponderò uno ad uno a tutti i punti da te citati:

    1) Falso. Il segno della Croce (se non ti piace Ezechiele 9) risale almeno a Tertulliano (De corona, III) che è nato 150 prima di quel che dici (nel 160 d.C.). La preghiera per i morti è descritta chiaramente in 2Maccabei 12 41-42.

    1) Il libro di 2° Maccabei non è un libro che rientra nel canone biblico (vedi post al riguardo) e perciò non fa testo. Attieniti alle Sacre Scritture, poichè in esso non c’è traccia di tale pratiche. Sul segno della croce vedi post.

    2) Falso. Luca 16 24 : “ed esclamò: Padre Abramo, abbi pietà di me, e manda Lazzaro a intingere la punta del dito nell’acqua per rinfrescarmi la lingua, perché son tormentato in questa fiamma.”

    2) Falso, perchè a parte il fatto che il ricco non stava affatto “venerando” abramo, semmai lo stava “implorando”, rimane il fatto inconfutabile che si trattava di un dialogo tra anime dell’ades, non certo tra un vivente sulla terra e qualsivoglia nel cielo. Vedi Post.

    3) E dunque sarebbe un’eresia il culto di Dio nei giorni infrasettimanali? Mi sembra eresia il proibirlo.

    3) La Messa non si può definire “culto a Dio”, poichè essa secondo l’insegnamento cattolico romano vuole essere invece la ripetizione del sacrificio di Cristo, però incruento, cioè senza spargimento di sangue. La Parola di Dio però dice che:
    “…senza spargimento di sangue non c´è remissione. “ (Ebrei 9:22)

    Questo fa si che quello nella Messa sia un sacrificio inutile e vano oltre che grave agli occhi di Dio. Vedi Post al riguardo.

    4) Falso. Se tu credessi che Gesù è Dio e che nacque da Maria per opera dello Spirito Santo (Luca, 1) faresti l’equazione: Maria è madre di Gesù + Gesù è Dio = Maria è Madre di Dio.

    4) Dire che Dio abbia una madre è un’eresia tutta cattolica romana poichè dimentichi che Gesù aveva due nature, non solamente la divina, ma anche l’ umana. Ed è la natura umana quella a cui Maria diede i natali. La tua equazione è quindi ingannatrice. Peraltro ciò è confermato dalla Parola di Dio, la quale chiama Maria solamente “madre di Gesù” (Atti 1:14) e non “madre di Dio”.

    5) Falso. Ti posso citare il Nazireato (già veterotestamentario es Giovanni Battista) o i Padri del deserto nei primissimi secoli d.C.

    5) Monachismo e Nazireato sono due cose totalmente differenti in quanto il nazireo non poteva tagliarsi i capelli, bere bevande alcoliche o toccare un morto (Leggi Numeri 6:1,7)

    6) Falso. Ti invito di nuovo a leggere 2Maccabei (v punto 1).

    6) Ribadisco che il libro dei Maccabei non rientra nei libri canonici, cioè ispirati da Dio, perciò attieniti solamente alla Bibbia.

    7) Il significato del latino è molto semplice: unire tutto il popolo di DIo (Cattolici=universali) in una stessa preghiera in una stessa lingua. E’ bellissimo.

    7) Certamente! Fu fatto per mantenerlo nell’ignoranza. Grazie a Dio che oggi non è più così, affinchè il popolo di Dio che si trova ancora nelle tenebre possa rendersi conto delle falsità insegnate nella chiesa cattolica ed uscirne. “Chi ha orecchi da udire, oda” (Matteo 13:9)

    8) Falso (v punto 2)

    8) Vedi risposta al punto 2

    9) Falso. E’ di origine Divina , non pagana! Come fai a dire una cosa del genere? Leggi Matteo 16 13-19

    9) Vedi i Post al riguardo. Quando Gesù in Matteo 16:18 disse: “…su questa pietra edificherò la mia Chiesa”, stava parlando della “confessione” di fede di Pietro, non della “persona” di Pietro.

    10) In Atti si parla addirittura di gente che sgomitava per stare solo all’ombra di san Pietro… Non è devozione idolatrica, è riconoscere il capo della Chiesa.

    10) Altro sofisma da te adottato per giustificare l’adorazione della creatura anzichè del creatore. Pietro infatti era contrario a tutto ciò, poichè sta scritto:

    “E come Pietro entrava, Cornelio, fattoglisi incontro, gli si gittò ai piedi, e l´adorò. Ma Pietro lo rialzò, dicendo: Lèvati, anch´io sono uomo! “ (Atti 10:25,26).

    Come vedi, l’adorazione alla creatura era condannata proprio da Pietro, che voi disonorate facendo qualcosa di cui lui era contrario!

    11) Ti rendi conto che senza potere temporale oggi l’Europa sarebbe scristianizzata? Hai idea di cosa sia stato il Medioevo?

    11) Innanzi tutto Gesù condanna il potere temporale, poichè sta scritto: “Ma Gesù, chiamatili a sé, disse: Voi sapete che i principi delle nazioni le signoreggiano, e che i grandi usano potestà sopra di esse. Ma non è così tra voi; anzi, chiunque vorrà esser grande fra voi, sarà vostro servitore; e chiunque fra voi vorrà esser primo, sarà vostro servitore; appunto come il Figliuol dell´uomo non è venuto per esser servito ma per servire “ (Matteo 20:25,26)

    Inoltre è Dio che rende “cristiane” le persone a cui vuole far grazia e non l’uomo col suo potere temporale, secondo le stesse parole di Gesù: “Niuno può venire a me se non che il Padre, il quale mi ha mandato, lo attiri” (Giovanni 6:44).

    12) L’adorazione delle icone è idolatria. La loro venerazione è ovvissimo buonsenso e ci sono esempi molto posteriori a quel che dici (Santa Sabina all’Aventino es)

    12) Tu chiami l’adorazione delle icone “venerazione”, sapendo benissimo che sono la stessa cosa, ma la Bibbia parla chiaro: “… ma quanto … agli idolatri e a tutti i bugiardi, la loro parte sarà nello stagno ardente di fuoco e di zolfo, che è la morte seconda.” (Apocalisse 21:8).

    13) Falso. La Constitutio Apostolica di 450 anni prima ne parla già e ne attribuisce l’istituzione a san Matteo Apostolo.

    13) Ciò non toglie il fatto che tale pratica sia antibiblica in quanto nelle Sacre Scritture non ci vien comandato assolutamente nulla al riguardo.

    14) Falso. La presenza di almeno 4 testi apocrifi col nome di san Giuseppe nel titolo risalenti a un periodo anteriore al 350 è segno evidente che la sua venerazione fu da sempre radicata in Terra Santa.

    14) Ulteriore prova che non è affatto vero quel che hai detto, e cioè che “entrambi citiamo la Bibbia”. Tu infatti citi gli apocrifi che non fanno testo non essendo Parola di Dio. Vedi risposta 1 e 6.

    15) Falso. Salmo 150 5 “Lodatelo con cembali sonori, lodatelo con cembali squillanti.”

    15) Si ma il suono di campana è da voi usato anche per motivi estranei alla lode dovuta a Dio.

    16) Falso. Mi viene in mente per prima santa Cecilia, martire cristiana del secondo secolo d.C. (!!) la cui tomba è ancora visitabile con la scritta sopra “Sancta Caeceilia”

    16) Ciò non toglie che anche la pratica della canonizzazione sia antibiblica. La Bibbia chiama infatti santi tutti i credenti e i veri seguaci di Cristo (Leggi: Romani: 1:7; 1° Corinzi 1-2; ecc.)

    E questo sin da vivi! Vedi Post al riguardo.

    17) Falso. E’ documentato tale digiuno dal II secolo e l’ufficializzazione è del 300 d.C.

    17) Rimane il fatto che “imporre” un digiuno (come quello contro il mangiar carne di venerdì) significhi di fatto ordinare l’astensione da determinati cibi, e la Parola di Dio afferma che chi fa ciò insegna dottrine di demoni, secondo che è scritto:

    “Ma lo Spirito dice espressamente che nei tempi a venire alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori, e a dottrine di demoni per via della ipocrisia di uomini che proferiranno menzogna, segnati di un marchio nella loro propria coscienza; i quali vieteranno il matrimonio e ordineranno l´astensione da cibi che Dio ha creati affinché quelli che credono e hanno ben conosciuta la verità, ne usino con rendimento di grazie.” (1° Timoteo 4:1,3).

    Da notare anche il “vieteranno il matrimonio”, non è forse proprio il cattolicesimo romano che impone il celibato forzato ai preti?

    18) Nella Messa si offre a Dio il sacrificio perfetto del Figlio. Se non credi ciò non sei cristiano.

    18) Sacrificio perfetto? Come ti ho già risposto, per essere perfetto il sacrificio che viene ripetuto durante la Messa richiede lo spargimento di sangue, secondo che è scritto:

    “…senza spargimento di sangue non c´è remissione. “ (Ebrei 9:22)

    Se non credi ciò, e cioè che l’unico sacrificio perfetto non è quello che voi ripetete ogni volta nella Messa, ma bensì nell’unico, insostituibile e irripetibile sacrificio di Cristo, allora sei ancora perduto nei tuoi peccati e diretto all’inferno.

    Ravvediti perciò, poichè Iddio ti sta concedendo ancora una possibilità proprio adesso affinché tu possa salvarti e così entrare a far parte del popolo di Dio.

    Che il Signore ti conceda ciò.

    ” … In breve ti chiedo due cose.
    Io e te siamo in disaccordo. Entrambi citiamo la Bibbia. Io critico la tua tradizione, tu la mia. La mia ha 2000 anni di precedenti, la tua 150 anni (ma avete già cambiato tutte le teorie almeno 10 volte, informati).
    Non è che forse la tua violenza verbale che diffondi in ogni tu post è contro l’insegnamento di Gesù?
    Infine, ti prego di non bestemmiare più lo Spirito Santo (non c’è perdono! Matteo 12) né la Madonna, che è la Mamma di Gesù e ci vuol bene. Anche se non ti fidi di lei :)”

    Prima di tutto, come hai ampiamente dimostrato, non è vero che “entrambi citiamo la Bibbia”, in quanto hai più volte citato il libro dei Maccabei, che insieme al libro di Giuditta, di Tobia, della Sapienza di Salomone, di Siracide (o Sapienza di Siracide o Ecclesiastico), di Baruc, della Lettera di Geremia, della Preghiera di Azaria e Cantico dei tre giovani nella fornace, della Storia di Susanna ecc… essendo libri deuterocanonici, non fanno parte della Bibbia. Vedi Post al riguardo.

    Inoltre non vedo dove avrei “bestemmiato” lo Spirito Santo. Iddio mi guardi dal far ciò!

    Infine non io “non mi fido di Maria”, ma voi cattolici romani non vi fidate di lei, in quanto contrariamente alle falsità che insegnate sul suo conto, Maria stessa ammise d’esser peccatrice riconoscendo che Dio era il suo Salvatore quando disse: “L’anima mia magnifica il Signore, e lo spirito mio esulta in Dio mio Salvatore (Luca 1:46,47), tutto ciò dimostra che ella non era nata senza peccato, perché in tale caso non avrebbe chiamato Dio suo Salvatore e non avrebbe avuto bisogno di essere salvata.

    Ma voi questo non volete riconoscerlo.

    Inoltre desidero esibire un’altra prova scritturale che Maria non nacque senza peccato, col sacrificio che Giuseppe e Maria offrirono nel tempio quando andarono a presentare il bambino Gesù (Vedi Luca 2:22,24).

    La legge dice infatti: “E se (ella) non ha mezzi da offrire un agnello, prenderà due tortore o due giovani piccioni: uno per l’olocausto e l’altro per il sacrifizio per il peccato. Il sacerdote farà l’espiazione per lei, ed ella sarà pura” (Levitico 12:8).

    Quindi Maria dovette offrire anche lei quel sacrifi­cio per il peccato. Ora, io domando: ‘Se ella fosse stata senza peccato che bisogno c’era che offrisse quel sacrificio?’

    Chi è allora qui che non si fida di Maria? Non siete invece proprio voi a disonorarla insegnando falsità sul suo conto?

    Se perciò voi cattolici volete veramente onorare Maria, ubbidite anche voi alle sue parole e sottomettetevi al Figlio di Dio. Maria infatti disse al riguardo di Gesù: “fate tutto quel che vi dirà…” (Giovanni 2:5).

    Termino perciò esortandoti di cuore a ravvederti, e solo dopo che avrai fatto questo e sarai uscito dalla chiesa cattolica romana, allora io e te saremo fratelli. Lo spero vivamente, perciò sappi che per adesso, io e te ancora non lo siamo.

    Dio ti benedica

  4. Ma chi ha giudicato canonici i libri che stanno nella Bibbia? Non forse la Chiesa Cattolica? E chi poi ne ha arbitrariamente tolto alcuni se non Lutero, fondando la vostra Chiesa? Come puoi dire che la bibbia di Lutero è quella originale?
Di un luogo intermedio tra l’inferno e il paradiso se ne parla indirettamente nei Vangeli, così come nei Vangeli stessi ci sono i “germi”, se così possiamo definirli, di tutti i dogmi che la Chiesa, con il passare dei secoli, ha definito, grazie alla teologia e allo studio delle Scritture.
Non meravigliarti se certi dogmi o certe usanze nascono pian piano nella Chiesa, dopotutto Gesù aveva detto ai suoi discepoli: “molte cose ho ancora da dirvi ma non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lo Spirito Santo vi guiderà alla Verità tutta intera.”
La dottrina sul Purgatorio è intravista già da San Paolo nella 1Cor 3,15:
“Ma se l’opera di qualcuno finirà bruciata, quello sarà punito; tuttavia egli si salverà, però passando attraverso il fuoco.”
Un fuoco di salvezza, dunque, per chi deve essere punito per colpe non così gravi da meritare l’inferno.
    Le immagini sacre non costituiscono l’oggetto di culto ma si riferiscono all’oggetto di culto, esse hanno valore esattamente come una fotografia di una persona a noi cara. Noi amiamo baciare le foto che ci mostrano il volto dei nostri nonni o genitori che non ci sono più: con quest’atto non intendiamo baciare la carta fotografica, ma la persona che in essa è rappresentata. Inoltre, San Paolo afferma in Col 1,15 che Cristo è “immagine del Dio invisibile”: dunque proprio Dio si è mostrato agli uomini attraverso l’immagine di Gesù Cristo. Il divieto dell’Antico Testamento di rappresentare Dio attraverso immagini intendeva intendersi compiuto fino a quando Dio stesso non avrebbe deciso di manifestarsi facendosi immagine nel volto del Figlio: “chi vede me vede il Padre” afferma Gesù all’ancora incerto Filippo. Gesù stesso ha inaugurato un nuovo culto delle immagini imprimendo il suo volto nel sudario della Veronica e nella Sindone.
    Il fatto che Pietro fosse capo della comunità di Apostoli, come lo si può notare dal comportamento degli apostoli nei riguardi di Pietro, raccontato nel libro degli Atti, deriva dal fatto che dopo la resurrezione Gesù ha dato l’incarico a PIetro di pascere i suoi agnelli e le sue pecorelle. Tale missione non si esauriva con la morte della persona di Pietro, ma continua nella successione apostolica, esattamente come successione apostolica fu quella di Mattia che ricoprì il posto del defunto suicida Giuda.
    Riguardo a Maria, certo che fu redenta! Chi afferma il contrario? Maria fu redenta dai meriti di Cristo. Dio ha applicato in lei i meriti di Cristo “anticipatamente”, cioè nel momento della sua concezione. Il motivo per cui Maria è necessariamente Immacolata? Un motivo molto semplice che è a difesa della divinità del Figlio Gesù: se il peccato è marchio di satana, come poteva Gesù, vero Dio e vero Uomo, farsi carne in un grembo contaminato dal peccato e dunque in un certo senso “marchiato” dal dominio di satana? La Luce del mondo non poteva farsi carne in un grembo di tenebra! Ecco che Dio ha preparato al Suo Figlio un grembo particolare, dove Gesù è stato per ben nove mesi! Dio non avrebbe potuto risiedere nove mesi in un grembo di peccato, non trovi? Egli ha preso la carne da Maria, Egli, che è il Santo e il Puro avrebbe potuto prendere la carne da un grembo soggiogato dalla schiavitù del peccato? Maria, ovviamente, non lo sapeva, ma ispirata da Dio perchè “piena di Grazia” ha profetizzato: “tutte le generazioni mi chiameranno Beata perchè grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente!” Quali sono queste grandi cose che ha fatto in Lei l’Onnipotente?
Lo abbiamo detto prima. Maria ha offerto il sacrificio come facevano tutte le donne ebree della sua età, esattamente come Gesù ha dovuto sottoporsi al Battesimo di Giovanni come tutti i giovani richiamati dal Battista: sappiamo che Gesù non aveva bisogno di essere battezzato, eppure Egli si è sottoposto al Battesimo. Lo stesso possiamo dire di Maria: Ella, pur non sapendo di essere concepita Immacolata per dare degno corpo al Figlio di Dio, ha offerto nella sua semplicità un’offerta per essere purificata, come facevano tutte le donne divenute madri. La legge, infatti, prescriveva alla donna neo-madre di presentarsi alla purificazione 40 giorni dopo la nascita del figlio, se questi era maschio; 80 se questi era femmina.
    Non rispondo alle altre domande perchè non mi piace fare il botta e risposta, ma a queste ho preferito rispondere per dialogare con un amico.

  5. “Ma chi ha giudicato canonici i libri che stanno nella Bibbia? Non forse la Chiesa Cattolica? E chi poi ne ha arbitrariamente tolto alcuni se non Lutero, fondando la vostra Chiesa? Come puoi dire che la bibbia di Lutero è quella originale?”

    Risposta: Noi non abbiamo affatto tolto alcuni libri (i cosiddetti apocrifi o deuterocanonici) dal canone della Bibbia, ma sono stati i vostri predecessori ad aggiungerli. Questo infatti è quello che hanno fatto nel 1546 nel Concilio di Trento i cardinali e i vescovi e il papa di allora.

    La verità dunque è che i vostri predecessori hanno adulterato il canone delle Scritture aggiungendovi i libri che hanno voluto e voi ci accusate ingiustamente di averli tolti.

    Le ragioni per cui noi non riconosciamo i libri apocrifi come canonici, cioè come parte del canone delle Scritture, è perché essi sono pieni di contraddizioni e di errori, come spiegato dettagliatamente in questo articolo:

    ● Contro i libri apocrifi

    Inoltre le seguenti Scritture attestano che è vietato sia aggiungere che togliere alcunché alla Parola di Dio:

    “Ogni parola di Dio è affinata col fuoco… Non aggiunger nulla alle sue parole, ch’egli non t’abbia a riprendere, e tu non sia trovato bugiardo” (Prov. 30:5,6);

    “Non aggiungerete nulla a ciò che io vi comando, e non ne toglierete nulla..” (Deut. 4:2);

    “Io lo dichiaro a ognuno che ode le parole della profezia di questo libro: Se alcuno vi aggiunge qualcosa, Dio aggiungerà ai suoi mali le piaghe descritte in questo libro; e se alcuno toglie qualcosa dalle parole del libro di questa profezia, Iddio gli torrà la sua parte dell’albero della vita e della città santa, delle cose scritte in questo libro” (Ap. 22:18,19).

    Quindi coloro che hanno fatto queste aggiunte alla Parola di Dio ne porteranno la pena per l’eternità, perché si sono permessi di fare passare alle moltitudini delle parole d’uomini e delle favole per Parola di Dio.

    ______________________________________________________________________

    “Di un luogo intermedio tra l’inferno e il paradiso se ne parla indirettamente nei Vangeli, così come nei Vangeli stessi ci sono i “germi”, se così possiamo definirli, di tutti i dogmi che la Chiesa, con il passare dei secoli, ha definito, grazie alla teologia e allo studio delle Scritture.
    Non meravigliarti se certi dogmi o certe usanze nascono pian piano nella Chiesa, dopotutto Gesù aveva detto ai suoi discepoli: “molte cose ho ancora da dirvi ma non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lo Spirito Santo vi guiderà alla Verità tutta intera.”
 La dottrina sul Purgatorio è intravista già da San Paolo nella 1Cor 3,15:
“Ma se l’opera di qualcuno finirà bruciata, quello sarà punito; tuttavia egli si salverà, però passando attraverso il fuoco.”
Un fuoco di salvezza, dunque, per chi deve essere punito per colpe non così gravi da meritare l’inferno.”

    Risposta: Ascolta la spiegazione delle parole da te citate di Paolo ai Corinzi

    Paolo disse ai Corinzi:

    “Io, secondo la grazia di Dio che m’è stata data, come savio architetto, ho posto il fondamento; altri vi edifica sopra. Ma badi ciascuno com’egli vi edifica sopra; poiché nessuno può porre altro fondamento che quello già posto, cioè Cristo Gesù. Ora, se uno edifica su questo fondamento oro, argento, pietre di valore, legno, fieno, paglia, l’opera d’ognuno sarà manifestata, perché il giorno di Cristo la paleserà; poiché quel giorno apparirà come un fuoco; e il fuoco proverà quale sia l’opera di ciascuno. Se l’opera che uno ha edificata sul fondamento sussiste, egli ne riceverà ricompensa; se l’opera sua sarà arsa, egli ne avrà il danno; ma egli stesso sarà salvo; però come attraverso il fuoco” (1 Corinzi 3:10-15).

    Secondo i teologi cattolici, la frase “sarà salvo però come attraverso il fuoco” significa che il giusto dopo avere penato nel purgatorio per un certo tempo, sarà salvato in paradiso, perché il fuoco lo avrà purificato da ogni residuo di peccato. A sostegno di questa interpretazione essi citano le idee di Agostino di Ippona e Gregorio Magno (quest’ultimo credeva che il purgatorio si trovasse sulla terra).

    Queste parole di Paolo non si riferiscono affatto ad un fuoco purificatore esistente in qualche luogo visibile o invisibile dove le anime degli uomini vanno per essere purificate dai loro peccati, ma al “fuoco” del giorno di Cristo, il che è un’altra cosa.

    Diamo la spiegazione delle parole di Paolo.

    L’apostolo aveva predicato Cristo a Corinto e molti in seguito alla sua predicazione credettero nel Signore, dopodiché furono battezzati. Fu lui quindi a porre il fondamento (Cristo Gesù) di quella casa spirituale (la chiesa) di Corinto. Ma dopo di lui a Corinto erano giunti altri che avevano edificato dell’altro “materiale” sul fondamento da lui posto. E lui a questo proposito dice a ciascuno di badare a come edifica sopra il fondamento, perché nessuno può togliere il fondamento che è Cristo Gesù per metterne un altro; e perché nel giorno di Cristo sarà ricompensata solo la fatica impiegata per edificare “oro, argento e pietre di valore” (cioè, cose che hanno valore) perché alla prova del fuoco rimarranno; mentre la fatica impiegata per edificare “legno, fieno, e paglia” non sarà premiata, e colui che ha edificato questo “materiale” sarà salvato, però, come uno che è passato attraverso il fuoco (cioè, come una persona scampata a un incendio perdendo nelle fiamme i propri averi e le cose per cui ha faticato); dunque senza alcun premio, perché le sue opere erano vane.

    Il passo da te citato non avvalora perciò nessun “purgatorio”.

    Ti consiglio la lettura della confutazione completa dell’eresia del purgatorio che si trova a questo link:

    ● Contro la Messa di Suffragio e il Purgatorio

    ______________________________________________________________________

    “Le immagini sacre non costituiscono l’oggetto di culto ma si riferiscono all’oggetto di culto, esse hanno valore esattamente come una fotografia di una persona a noi cara. Noi amiamo baciare le foto che ci mostrano il volto dei nostri nonni o genitori che non ci sono più: con quest’atto non intendiamo baciare la carta fotografica, ma la persona che in essa è rappresentata. Inoltre, San Paolo afferma in Col 1,15 che Cristo è “immagine del Dio invisibile”: dunque proprio Dio si è mostrato agli uomini attraverso l’immagine di Gesù Cristo. Il divieto dell’Antico Testamento di rappresentare Dio attraverso immagini intendeva intendersi compiuto fino a quando Dio stesso non avrebbe deciso di manifestarsi facendosi immagine nel volto del Figlio: “chi vede me vede il Padre” afferma Gesù all’ancora incerto Filippo.”

    Risposta: Il solito sofisma per annullare le leggi di Dio!

    Il comandamento di non fare alcuna immagine di Dio è invece tuttora valido, poiché Gesù stesso disse:

    Non pensate ch´io sia venuto per abolire la legge od i profeti; io son venuto non per abolire ma per compire: poiché io vi dico in verità che finché non siano passati il cielo e la terra, neppure un iota o un apice della legge passerà, che tutto non sia adempiuto.” (Matteo 5:17,18)

    Finchè i cieli e la terra non passeranno dunque, neppure il comando di non fare immagine alcuna di Dio passerà! E come detto innanzi, anche l’aver manipolato i comandamenti di Dio come ha fatto il cattolicesimo romano non resterà impunito. Vedi infatti:

    ● Come la Chiesa Cattolica Romana ha manipolato i dieci comandamenti

    ______________________________________________________________________

    “Gesù stesso ha inaugurato un nuovo culto delle immagini imprimendo il suo volto nel sudario della Veronica e nella Sindone.”

    Risposta: Riguardo alla storia di Veronica e del suo velo nei Vangeli canonici non c’è alcun riferimento, perciò non c’è alcun fondamento biblico che lo faccia ritenere verace.

    Riguardo la sindone di torino, anch’essa non può essere vera perché leggendo quello che dicono Matteo, Marco, Luca e Giovanni, si può riscontrare che quel lenzuolo o panno non può essere quello che ricevette il corpo di Gesù perché Matteo, Marco e Luca dicono che Giuseppe d’Arimatea prese un panno lino e vi involse il corpo di Gesù Cristo.

    Ecco le loro parole:

    “E Giuseppe, preso il corpo, lo involse in un panno lino netto, e lo pose nella propria tomba nuova, che aveva fatta scavar nella roccia, e dopo aver rotolata una gran pietra contro l’apertura del sepolcro, se ne andò” (Matt. 27:59-60);

    “E questi, comprato un panno lino e tratto Gesù giù di croce, l’involse nel panno e lo pose in una tomba scavata nella roccia, e rotolò una pietra contro l’apertura del sepolcro” (Mar. 15:46);

    “Venne a Pilato e chiese il corpo di Gesù. E trattolo giù di croce, lo involse in un panno lino e lo pose in una tomba scavata nella roccia, dove niuno era ancora stato posto” (Luca 23:51-53).

    Giovanni dice invece che Giuseppe e Nicodemo involsero il corpo di Gesù in pannilini con gli aromi come era usanza di seppellire presso i Giudei (cfr. Giov. 19:40).

    Mentre quel lenzuolo che c’è a Torino ha impresso su di esso per lungo la figura di un uomo!!

    Quindi quell’uomo che fu posto in quel lenzuolo non fu involto, cioè il suo corpo non fu avvolto nel panno lino.

    La sindone infatti dà l’impressione che il lenzuolo sia stato posto sopra il corpo di quell’uomo, non può essere altrimenti perché si vede chiaramente questa cosa.

    Quindi se Gesù fu involto in un panno lino, e quel panno lino fosse stato conservato esso non poteva in nessuna maniera apparire in quella maniera.

    ______________________________________________________________________

    “Il fatto che Pietro fosse capo della comunità di Apostoli, come lo si può notare dal comportamento degli apostoli nei riguardi di Pietro, raccontato nel libro degli Atti, deriva dal fatto che dopo la resurrezione Gesù ha dato l’incarico a PIetro di pascere i suoi agnelli e le sue pecorelle. Tale missione non si esauriva con la morte della persona di Pietro, ma continua nella successione apostolica, esattamente come successione apostolica fu quella di Mattia che ricoprì il posto del defunto suicida Giuda.”

    Risposta: Dal comportamento degli apostoli si evince invece proprio il contrario, e cioè che pietro non era affatto capo della comunità. Ecco infatti alcune semplici e inoppugnabili ragioni bibliche per cui Pietro non fu mai il primo papa:

    ● Dieci semplici e inoppugnabili ragioni bibliche per cui Pietro non fu il primo papa

    ______________________________________________________________________

    “Riguardo a Maria, certo che fu redenta! Chi afferma il contrario? Maria fu redenta dai meriti di Cristo. Dio ha applicato in lei i meriti di Cristo “anticipatamente”, cioè nel momento della sua concezione. Il motivo per cui Maria è necessariamente Immacolata? Un motivo molto semplice che è a difesa della divinità del Figlio Gesù: se il peccato è marchio di satana, come poteva Gesù, vero Dio e vero Uomo, farsi carne in un grembo contaminato dal peccato e dunque in un certo senso “marchiato” dal dominio di satana? La Luce del mondo non poteva farsi carne in un grembo di tenebra! Ecco che Dio ha preparato al Suo Figlio un grembo particolare, dove Gesù è stato per ben nove mesi! Dio non avrebbe potuto risiedere nove mesi in un grembo di peccato, non trovi? Egli ha preso la carne da Maria, Egli, che è il Santo e il Puro avrebbe potuto prendere la carne da un grembo soggiogato dalla schiavitù del peccato? Maria, ovviamente, non lo sapeva, ma ispirata da Dio perchè “piena di Grazia” ha profetizzato: “tutte le generazioni mi chiameranno Beata perchè grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente!” Quali sono queste grandi cose che ha fatto in Lei l’Onnipotente?
Lo abbiamo detto prima. Maria ha offerto il sacrificio come facevano tutte le donne ebree della sua età, esattamente come Gesù ha dovuto sottoporsi al Battesimo di Giovanni come tutti i giovani richiamati dal Battista: sappiamo che Gesù non aveva bisogno di essere battezzato, eppure Egli si è sottoposto al Battesimo. Lo stesso possiamo dire di Maria: Ella, pur non sapendo di essere concepita Immacolata per dare degno corpo al Figlio di Dio, ha offerto nella sua semplicità un’offerta per essere purificata, come facevano tutte le donne divenute madri. La legge, infatti, prescriveva alla donna neo-madre di presentarsi alla purificazione 40 giorni dopo la nascita del figlio, se questi era maschio; 80 se questi era femmina.”

    Risposta: Il dogma “dell’immacolata concezione” di maria è una menzogna perché tutti gli uomini e tutte le donne nati sulla terra (all’infuori di Gesù) sono nati col peccato secondo che é scritto:

    “Ecco, io sono stato formato nella iniquità, e la madre mia mi ha concepito nel peccato” (Salmo 51:5),

    ed ancora:

    “Tutti hanno peccato” (Romani 3:23),

    perciò anche Maria aveva peccato e non poteva dire, e siamo sicuri che non lo disse e pensò mai, di essere nata senza peccato (perfino Tommaso d’Aquino, uno dei sommi dottori della chiesa romana (su cui è basata molta della sua teologia), era nettamente contrario all’immacolata concezione. Ecco quanto egli dichiarò: ‘Il corpo della Vergine fu concepito nel peccato originale e perciò contrasse quei difetti’ (Tommaso d’Aquino, La Somma Teologica, III, q. 14).).

    Il fatto che ella stessa riconobbe che Dio era il suo Salvatore dicendo: “L’anima mia magnifica il Signore, e lo spirito mio esulta in Dio mio Salvatore” (Luca 1:46,47) , dimostra che ella non era nata senza peccato, perché in tale caso non avrebbe chiamato Dio suo Salvatore e non avrebbe avuto bisogno di essere salvata.

    Come te anche i teologi romani affermano che Maria fu “salvata” (o “redenta”)’, sì, ma a tale proposito fanno un discorso tutto particolare’.

    • Bartmann dice per esempio: ‘Anche Maria è stata redenta da Cristo, come ogni altro uomo, ma in modo differente da tutti gli altri ( … ) La sua redenzione consiste nella preservazione e non nella liberazione dal peccato (redemptio praeservativa, non reparativa)’. (Bernardo Bartmann, op. cit., pag. 169)

    Ma noi vorremmo domandare a costui: ‘Ma se Maria fu preservata dal peccato ma non liberata da esso come si può affermare che ella fu salvata?’

    Dobbiamo riconoscere che i teologi romani hanno fatto ricorso ad ogni specie di sofisma per ingannare le persone! No, non è affatto così come dicono i teologi papisti.

    Paolo dice ai Galati che “la Scrittura ha rinchiuso ogni cosa sotto peccato, affinché i beni promessi alla fede in Gesù Cristo fossero dati ai credenti” (Galati 3:22), perciò anche Maria era stata rinchiusa da Dio sotto il peccato affinché pure lei ottenesse misericordia mediante la fede nel Signore Gesù Cristo.

    Questo è il link dove viene confutata questa ennesima invenzione del cattolicesimo romano:

    ● L’unica “immacolata concezione” nella Bibbia è quella di Gesù!

    ______________________________________________________________________

    “Non rispondo alle altre domande perchè non mi piace fare il botta e risposta, ma a queste ho preferito rispondere per dialogare con un amico.”

    Guarda salvatore, se davvero vuoi dialogare con me come con un amico ravvediti delle eresie della chiesa cattolica romana da te credute (comprese le sue superstizioni e la sua idolatria), quindi esci da essa e unisciti ad una chiesa evangelica pentecostale dove dovrai farti battezzare per immersione nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, in quanto il battesimo cattolico romano ricevuto da piccoli è nullo. E rimani con quella chiesa.

    Ricorda le parole tratte dal libro dei Proverbi: “V’è tal via che all’uomo par dritta, ma finisce col menare alla morte” (Proverbi 14:12), e una di queste vie che conducono alla morte è quella ingannatrice della chiesa cattolica romana: quindi abbandonala e incamminati per la via che conduce a Dio Padre, e questa via è solo GESU’ CRISTO, IL FIGLIO DI DIO, perchè Lui ha detto: “Io son la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me” (Giovanni 14:6)

    Nicola Iannazzo

_____________________________________________________________________________
In questa sezione puoi lasciare dei commenti che vi ricordo su questo blog sono moderati, cioè soggetti all'approvazione dell'amministratore.
I commenti che lascerete NON SARANNO fatti passare se sono ANONIMI (cioè privi di nome e soprattutto COGNOME) oppure se sono commenti OFFENSIVI, VOLGARI o INSENSATI.

Vedi anche: "Avviso ai visitatori"