Egli è altresì scritto…

Blog di Nicola Iannazzo

● Contro la Reincarnazione e la “legge” del Karma



Share

novembre 16th, 2010 Posted by | Astrologia, Bhagavad-Gita, Hare Krishna, Induismo, New Age (Nuova Era), Pratiche orientali, Reincarnazione | 4 comments

4 Responses to “● Contro la Reincarnazione e la “legge” del Karma”

  1. non ha dimostrato nulla con quello che dice la sacra scrittura non parlando di reincarnazione! perche poi dovrei credere al paradiso e all’inferno? le scritture cosiddette sacre danno libertà di interpretazione questo dimostra che Dio è infinito amore e quindi non gl’importa se uno crede o non crede alla reincarnazione!!!
    Il bene e il male esistono ed esisteranno sempre come legge di equilibrio universale!

  2. Il suo essere prevenuto nei confronti delle Sacre Scritture non l’aiuteranno a comprendere l’eresia da cui è allacciato, poichè la Parola di Dio al contrario di ciò che lei afferma, distrugge la teoria della reincarnazione sotto ogni suo aspetto e non concede affatto libertà di interpretazione.
    Quando lo scrittore dell’epistola agli Ebrei, ispirato dallo Spirito Santo di Dio afferma:
    “E’ stabilito che gli uomini muoiano una volta sola, dopo di che viene il giudizio” (Ebr. 9:27);
    Ebbene, già questo verso da solo esclude nella maniera più categorica che dopo morti l’anima di chicchessia si vada a reincarnare nel corpo di un altro individuo. Ma i passi biblici che dimostrano l’erroneità della dottrina della reincarnazione sono innumerevoli e di una chiarezza cristallina.
    La invito quindi a ravvedersi dei suoi peccati riconoscendo l’autorevolezza della Parola di Dio per il suo bene, affinché non sia punito per l’eternità nel giorno del giudizio, poiché l’esistenza stessa del paradiso e dell’inferno (creato originariamente “…per il diavolo e i suoi angeli”), è confermato dalle autorevoli parole del Signore Gesù Cristo a cui tutti i cristiani pongono la loro fede.

    Fu infatti proprio Gesù ad affermare:

    “Or quando il Figliuol dell´uomo sarà venuto nella sua gloria, avendo seco tutti gli angeli, allora sederà sul trono della sua gloria.
    E tutte le genti saranno radunate dinanzi a lui; ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri; e metterà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra.
    Allora il Re dirà a quelli della sua destra: Venite, voi, i benedetti del Padre mio; eredate il regno che v´è stato preparato sin dalla fondazione del mondo. Perché ebbi fame, e mi deste da mangiare; ebbi sete, e mi deste da bere; fui forestiere, e m´accoglieste; fui ignudo, e mi rivestiste; fui infermo, e mi visitaste; fui in prigione, e veniste a trovarmi.
    Allora i giusti gli risponderanno: Signore, quando mai t´abbiam veduto aver fame e t´abbiam dato da mangiare? o aver sete e t´abbiam dato da bere? Quando mai t´abbiam veduto forestiere e t´abbiamo accolto? o ignudo e t´abbiam rivestito? Quando mai t´abbiam veduto infermo o in prigione e siam venuti a trovarti? E il Re, rispondendo, dirà loro: In verità vi dico che in quanto l´avete fatto ad uno di questi miei minimi fratelli, l´avete fatto a me.
    Allora dirà anche a coloro della sinistra: Andate via da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato pel diavolo e per i suoi angeli! Perché ebbi fame e non mi deste da mangiare; ebbi sete e non mi deste da bere; fui forestiere e non m´accoglieste; ignudo, e non mi rivestiste; infermo ed in prigione, e non mi visitaste.
    Allora anche questi gli risponderanno, dicendo: Signore, quando t´abbiam veduto aver fame, o sete, o esser forestiero, o ignudo, o infermo, o in prigione, e non t´abbiamo assistito? Allora risponderà loro, dicendo: In verità vi dico che in quanto non l´avete fatto ad uno di questi minimi, non l´avete fatto neppure a me.
    E questi se ne andranno a punizione eterna; ma i giusti a vita eterna.

    (Vangelo di Matteo 25:31,46)

  3. Studiate i primi cristiani, la chiesa cattolica fino al 500 d.C. credeva nella reincarnazione, fu durante il concilio di Costantunopoli del 553 D.C. che Giustiniano (pare su consiglio di sua moglie) fece sparire ogni riferimento alla reincarnazione.
    Da notare che Papa virgilio, che si trovava proprio a Costantinopoli in quei giorni si rifiutò di partecipare al Concilio stesso.
    La credenza però sopravisse fra i Catari, che come ben noto furono tutti sterminati dalla chiesa Cattolica nel 1200.
    La dottrina cattolica dal 500 d.C. fino al 1600 ne ha fatte e dette di tutti i colori.
    Non si tratta di eresie o prevenzione, studiate la storia del cristianesimo e di tutte le religioni, allora ci si potrà fara un concetto giusto.

  4. Sarà pure come dici una cosa però è certa, la reincarnazione non è Biblica e quindi è falsa in quanto la Bibbia che è la Parola di Dio dice chiaramente: “E’ stabilito che gli uomini muoiano una volta sola, dopo di che viene il giudizio” (Ebr. 9:27).
    Il Cattolicesimo Romano non fa testo in quanto è fonte di una moltitudini di eresie avendo annullato le Scritture con le sue tradizioni ed i suoi concili, leggi questo libro confutatorio e lo capirai.

    Secondo le Scritture quindi dopo la morte non avviene nessuna reincarnazione, ma v’è invece l’attesa del giudizio per i peccatori (in un luogo chiamato Ades o soggiorno dei morti) e l’attesa del Tribunale di Cristo per i salvati (in paradiso) per ricevere il premio delle cose fatte quando si era nel corpo, secondo che è scritto:
    “siamo pieni di fiducia e abbiamo molto più caro di partire dal corpo e d´abitare col Signore. Ed è perciò che ci studiamo d´essergli grati, sia che abitiamo nel corpo, sia che ne partiamo. Poiché dobbiamo tutti comparire davanti al tribunale di Cristo, affinché ciascuno riceva la retribuzione della cose fatte quand´era nel corpo, secondo quel che avrà operato, o bene, o male.” (2° Corinzi 5:8,10).

    Così dice la Scrittura e così ogni vero cristiano crede.

_____________________________________________________________________________
In questa sezione puoi lasciare dei commenti che vi ricordo su questo blog sono moderati, cioè soggetti all'approvazione dell'amministratore.
I commenti che lascerete NON SARANNO fatti passare se sono ANONIMI (cioè privi di nome e soprattutto COGNOME) oppure se sono commenti OFFENSIVI, VOLGARI o INSENSATI.

Vedi anche: "Avviso ai visitatori"