Egli è altresì scritto…

Blog di Nicola Iannazzo

● La calunnia che ci è lanciata e la massima che taluni ci attribuiscono, “che noi ce l’abbiamo contro tutto e contro tutti”, non è vera!

[*] Contro l’accusa d’esser dei “diffamatori”…

(25 minuti – scarica mp3)


Sulla confutazione

(121 minuti – scarica mp3)


_________________________

Cristo Gesù ha creato una sola Chiesa, ma fin dal principio l’uomo si è mostrato tendente al settarismo, infatti, già ai tempi dell’apostolo Paolo vi erano delle divisioni in seno alla Chiesa ed è egli è stato costretto a scrivere su questi argomenti per cercare di portare ordine: “Perché, fratelli miei, m’è stato riferito intorno a voi da quei di casa Cloe, che vi son fra voi delle contese. Voglio dire che ciascun di voi dice: Io son di Paolo; e io d’Apollo; e io di Cefa; e io di Cristo. Cristo è egli diviso? Paolo è egli stato crocifisso per voi? O siete voi stati battezzati nel nome di Paolo?” (1 Cor. 1:11-13).

Anche l’apostolo Giovanni ben presto ha dovuto sperimentare personalmente il fatto che talune comunità cercavano di staccare i credenti dalla comunione spirituale e dall’autorità degli apostoli: “Ho scritto qualcosa alla chiesa; ma Diotrefe che cerca d’avere il primato fra loro, non ci riceve. Perciò, se vengo, io ricorderò le opere che fa, cianciando contro di noi con male parole; e non contento di questo, non solo non riceve egli stesso i fratelli, ma a quelli che vorrebbero riceverli impedisce di farlo, e li caccia fuori dalla chiesa.” (3 Giov. 1:9,10).

L’apostolo Paolo, in un discorso agli anziani di Efeso preannuncia questa divisione tra le chiese e le denominazioni, dovute al fatto che sarebbero entrati dei lupi e che sarebbero sorti degli uomini che avrebbero insegnato certe cose per attirare i santi a loro distaccandoli dalla verità, che alla sua dipartenza si sarebbero moltiplicate: Leggi tutto… “● La calunnia che ci è lanciata e la massima che taluni ci attribuiscono, “che noi ce l’abbiamo contro tutto e contro tutti”, non è vera!”

ottobre 10th, 2011 Posted by | Confutazioni, Esortazioni, Giuseppe Piredda | no comments