Egli è altresì scritto…

Blog di Nicola Iannazzo

● Inquietante simbolo esoterico-occulto-massonico sul pulpito della Chiesa ADI di Nova Milanese

 

 

Share

marzo 10th, 2013 Posted by | ADI (Assemblee di Dio in Italia), Assemblee di Dio in Italia, Illuminati, Massoneria | 3 comments

3 Responses to “● Inquietante simbolo esoterico-occulto-massonico sul pulpito della Chiesa ADI di Nova Milanese”

  1. Caro fratello mi dispiace questo attacco alla nostra chiesa. Voi che sembrate così precisi non avete preso in considerazione le risposte date in merito ai presunti simboli massonici nella chiesa di Nova Milanese publicate sulla rete. Quei quadrati sono stati posti sul pulpito da un falegname che ha donato quel pulpito senza che nessuno gli commissionasse alcunché, L’artigiano ha inserito dei quadrati per movimentare il prospetto anteriore. Nessuno ha ordinato un pulpito che nascondesse una simbologia massonica. Siamo contro ad ogni forma di potere occulto, nessuno può dichiararsi un figlio di Dio se pratica qualsiasi forma di esoterismo. Se siete veramente sinceri come lo siamo noi, togliete questi articoli che ci descrivono in maniera indegna. Predichiamo Cristo crocifisso, solo Cristo niente altro che Cristo.
    Oppedisano Giancarlo pastore chiesa adi Nova Milanese.

  2. Sul vostro sito lessi già questa tua risposta riguardo la facciata triangolare del locale di culto:
    “Chi progettò la chiesa di Nova Milanese (FUORIUSCITO DA DIVERSO TEMPO DALLE ADI), ossessionato (a mio avviso) dalle forme, inserì nella struttura il triangolo come simbolo della Trinità”

    Intanto dovresti dirmi dove è scritto nella Bibbia che il triangolo rappresenti la Trinità.
    Citami il verso perchè io nelle Sacre Scritture non l’ho mai letto…

    In secondo luogo sarà anche vero che chi progettò il locale di culto era, parole tue: “ossessionato dalle forme”, nondimeno voi l’avete lasciato fare nonostante la facciata rimandi a simboli inconfutabilmente pagani oltre che esoterici e massonici e perciò ne siete pure voi corresponsabili.

    Adesso ci dici anche che: “un falegname che ha donato quel pulpito senza che nessuno gli commissionasse alcunché, L’artigiano ha inserito dei quadrati per movimentare il prospetto anteriore”.

    Anche qui da un lato apparentemente prendi le distanze ma intanto avete accettato un “dono” contenente simboli pagani, esoterici e massonici!

    Ho letto poi “la storia del triangolo” che hai linkato sul vostro sito e sono rimasto senza parole nel vedere come volete difendere e giustificare a tutti i costi una simbologia massonica che nulla ha a che fare col cristianesimo genuino. Se veramente come chiesa locale volete prendere le distanze dalla massoneria allora ravvedetevi, rimpiazzate il pulpito con uno senza simbologìa di sorta e comincia tu per primo, dal pulpito, a condannare la massoneria e la sua affiliazione in tutte le sue forme essendo la massoneria acerrima nemica del cristianesimo. Dimostratelo coi fatti voi nelle ADI che con la massoneria non avete nulla a che fare, perchè fino ad ora dai “vertici” della vostra “organizzazione” abbiamo riscontrato solo un imbarazzante e omertoso silenzio al riguardo (per non parlare di tutto il resto).

    Infine aggiungo solo più questo, io ti ho risposto come la penso, ma era più doveroso e onesto da parte tua scrivere il tuo commento sul blog del fratello Giacinto Butindaro, autore dell’articolo originale, anzichè sul mio blog. Cosa che ti invito a fare per correttezza da parte tua.

  3. Pace ai lettori.
    Io in verità mi sarei aspettato una frase di condanna contro la Massoneria in modo forte e inequivocabile, del tipo: “la massoneria è dal diavolo”, invece sono venute solo parole inutili e ambigue, secondo il linguaggio che usano coloro che hanno da nascondere delle cose.
    Ma ora che ci sono, voglio esprimere anche io una mia considerazione, in particolare SULLA GRANDE “A”, o anche TRIANGOLO ALL’ENTRATA del locale di culto di questo LOCALE DI CULTO, e ribadisco, LOCALE DI CULTO E NON CHIESA, perché la Chiesa siamo noi, la chiesa è composta da credenti, da persone, e non è il locale di culto. Certo, tutti dicono di saperlo questo, ma continuamente sbagliano. Ma torniamo alla GRANDE “A”, che ha attirato la mia attenzione, proprio dalle considerazioni fatte in risposta all’articolo contro il TRIANGOLO. Ora, se non si ritenesse quella entrata come UN TRIANGOLO, COME UNA PIRAMIDE, ma soltanto una GRANDE “A”, come piace al pastore, ci viene da pensare a queste parole tanto care ai MASSONI:
    A.G.D.G.A.D.U. > Alla Gloria Del Grande Architetto Dell’Universo.
    Con quella GRANDE “A” si può anche pensare che significhi GRANDE ARCHITETTO, e l’aggiunta del resto è facile, per coloro che intendono quel tipo di simbologia.

    E poi che giustificazioni sono quelle che dà questo pastore, se UN SATANISTA regala una cosa con il simbolo della STELLA A CINQUE PUNTE ad una comunità evengelica, il pastore non è colpevole?
    Se un falegname cattolico faceva un pulpito con impressa l’immagine della MADONNA nel legno, il pastore non è colpevole?
    No, mi paiono risposte sulla questione senza costrutto, senza sale, mi sembra un barcamenarsi e un arrampicarsi sugli specchi per gettare FUMO negli occhi della gente.
    Spero tanto che i membri della comunità comprendano e chiedano IMMEDIATAMENTE la distruzione col fuoco del PULPITO, e l’ABBATTIMENTO DELLA FACCIATA ANTERIORE del locale, togliendo quell’obbrobrio che c’è ora. Ma se uno vede quel locale da fuori, capirebbe mai che tale locale è un locale dove si riunisce una comunità di cristiani? Io non credo, penserebbe, piuttosto, che si riuniscano dei MASSONI, è più probabile.
    Tutto quello che fanno è involontario, è casuale, eppure, i SOLDI CHE SPENDONO i fratelli per i locali non sono casuali, è tutto studiato a tavolino nei minimi particolari.

_____________________________________________________________________________
In questa sezione puoi lasciare dei commenti che vi ricordo su questo blog sono moderati, cioè soggetti all'approvazione dell'amministratore.
I commenti che lascerete NON SARANNO fatti passare se sono ANONIMI (cioè privi di nome e soprattutto COGNOME) oppure se sono commenti OFFENSIVI, VOLGARI o INSENSATI.

Vedi anche: "Avviso ai visitatori"