Egli è altresì scritto…

Blog di Nicola Iannazzo

● La Top Ten delle accuse ai “buttindari”…

 

Share

aprile 27th, 2018 Posted by | Confutazioni, Mario Prospero | 2 comments

2 Responses to “● La Top Ten delle accuse ai “buttindari”…”

  1. E in base al fatto che siete maschi, chi vi dice che avete il diritto di dire che cosa sia, per la donna, “la schiavitù”?
    Per me è schiavitù mettersi il velo, non mettermi il rossetto.
    dipende dai punti di vista. se tu, in quanto maschio, mi obblighi minacciandomi o picchiandomi a mettermi un velo, questa è schiavitù. se fai la stessa cosa obbligandomi a truccarmi, idem.
    è il non lasciare alla donna la libertà di scelta che è schiavitù. non mettersi bikini, trucchi ecc.
    se in quanto maschio mi obblighi a mettermi il velo, questa è schiavitù. non importa che a te piaccia il velo e non il rossetto, sulla donna: il fatto è che tu stai imponendo qualcosa a qualcuno. potrebbe essere il velo o il bikini.

    in quanto maschio non puoi parlare per le donne, dicendo loro cosa devono fare e da cosa si devono liberare. certamente ci dobbiamo liberare da maschilisti talebani non necessariamente seguaci di allah, che si credono superiori alle donne e credono di avere il diritto di dire alle donne cosa le donne devono fare.

    P.s credo che il termine più corretto sia “Butindariani”, non “Buttindari”

  2. Una delle regole di questo Blog è non pubblicare commenti anonimi (che è la maggioranza di quelli che ricevo). Anche il tuo nonostante non dovrei farlo lo pubblico ugualmente affinchè i lettori possano rendersi conto di come ragionano male le donne come te. In quanto nessuno nè in questo Blog né in altri associati, si son mai permessi di “imporre”, “minacciare” o parlare di “picchiare” una donna a motivo del velo.
    Nei tuoi ragionamenti vedo anche molta cattiveria nei termini, come quando dici: “maschilisti talebani”.

    Il velo è comandato da Dio nelle Scritture solo quando si “prega o profetizza” (1 Corinzi 11:5), non se esci a fare la spesa oppure altro. Se sei cristiana e intendi piacere a Cristo non sarà affatto un peso per te fare qualcosa che sia gradito a Colui che dici di amare…

    La cosa paradossale è che vedo che voi donne che vi ribellate ad un gesto così semplice come coprirsi il capo con un velo in preghiera, siete poi disposte a fare cose ben più gravose o pericolose per seguire le mode del momento, come magari avvelenare il vostro corpo con cosmetici pieni di sostanze chimiche risapute da chiunque desideri informarsi a tal proposito. Non parliamo di quante persone danneggiano poi i loro corpi coi tatuaggi od i piercing.

    Quello che Dio chiede non è affatto gravoso, ma lo è per voi donne ribelli che magari vi definite “cristiane” ma non volete affatto piacerGli nei modi da Lui stabiliti nella Sua Parola…

    Comunque tra i termini con cui pensano di insultarci e offenderci c’è anche chi ci chiama “buttindari”; nello stesso modo in cui tu parli di maschilisti talebani senza sapere nulla di noi, nè di chi sia il vero “maschilista”, che molto spesso è invece quello a cui stai ubbidendo quando coi tuoi soldi magari sudati stai acquistando proprio quel tipo di rossetto di cui vai fiera di colorarti le labbra…

_____________________________________________________________________________
In questa sezione puoi lasciare dei commenti che vi ricordo su questo blog sono moderati, cioè soggetti all'approvazione dell'amministratore.
I commenti che lascerete NON SARANNO fatti passare se sono ANONIMI (cioè privi di nome e soprattutto COGNOME) oppure se sono commenti OFFENSIVI, VOLGARI o INSENSATI.

Vedi anche: "Avviso ai visitatori"