Egli è altresì scritto…

Blog di Nicola Iannazzo

● Le ADI si basano sulla Bibbia? (alcune domande riguardanti la struttura organizzativa piramidale delle Assemblee di Dio in Italia)

piramide-ADI-blog

Da un profilo su facebook di un credente evangelico ho tratto la seguente nota pubblica che elenca una serie di domande più che lecite che ogni membro delle ADI desideroso di vivere coerentemente la propria vita di fede cristiana (fondata sulle Sacre Scritture e non su regole o statuti umani), dovrebbe porsi e di conseguenza porre ai propri conduttori di chiesa.

Nicola Iannazzo

**************************

“All’art. 2 dei “Lineamenti Dottrinali” delle Chiese Evangeliche ADI leggiamo:

CREDIAMO ED ACCETTIAMO L’INTERA BIBBIA COME PAROLA DI DIO ISPIRATA, UNICA, INFALLIBILE ED AUTOREVOLE REGOLA DELLA NOSTRA FEDE E DELLA NOSTRA CONDOTTA” (II Timoteo 3:15-17; II Pietro 1:21; Romani 1:16; I Tessalonicesi 2:13).

In altre parole viene affermato che tutto quello che essi credono si basa solo ed esclusivamente sulla Bibbia. Non solo per quanto concerne la dottrina ma anche per quanto concerne la prassi poiché si parla di “fede” e di “condotta”.

A questo proposto mi sorgono delle domande in merito alla “Ecclesiologia” vigente nelle ADI. Bisogna dire che l’ecclesiologia è una delle dottrine fondamentali della Bibbia.

E anche le ADI lo sanno molto bene, visto che essa è materia di studio all’IBI (Istituto Biblico Italiano), al punto che essa è insegnata sia al Leggi tutto… “● Le ADI si basano sulla Bibbia? (alcune domande riguardanti la struttura organizzativa piramidale delle Assemblee di Dio in Italia)”

gennaio 25th, 2014 Posted by | ADI - IBI, ADI (Assemblee di Dio in Italia), ADI-Media, Cose strane, Massoneria, Pastori ADI, Pastori corrotti, Statuto ADI | 3 comments

● Chiesa di Cristo o Organizzazione Mafiosa?

L’immagine a fianco raffigura alcuni personaggi chiave della serie televisiva drammatica “The Sopranos”.

In questa immagine vediamo il Capo mafia Tony Soprano e alcuni dei suoi “esecutori” (o capitani).

Se siete membri di una mega Chiesa moderna, allora potremmo anche sostituire questi personaggi con le immagini del vostro pastore, anziani, ministri e diaconi. Anche loro assumono il ruolo di “esecutori” per aiutare il “boss” a mantenere “l’ordine”.

Per un’osservatore esterno è assurdo vedere un parallelo tra la vita di mafia e la vita dentro una  mega chiesa odierna, ma purtroppo la realtà è questa: la leadership in molte chiese di oggi opera proprio come la mafia.

Date un’occhiata ad alcuni parallelismi:

● La Leadership

In questi giorni c’è una sola autorità nella chiesa e non è Gesù Cristo.

Il pastore è diventato il leader solitario, proprio come il boss mafioso, egli governa dall’alto in basso, non dal basso verso l’alto. Non gli piace il pensiero dipendente o di dissenso, non gli piace parlare direttamente con voi, sarà lui a mandare un’emissario per dirvi se è soddisfatto o insoddisfatto del vostro comportamento. Egli non vuole “lasciare le sue impronte digitali” su tutte le decisioni “controverse”, così assegna ai suoi “capitani” (anziani, ministri, diaconi), le risorse e la responsabilità degli affari generali e se i progetti falliscono fa ricadere la colpa al “capitano” di turno.

● Il Giuramento di fedeltà

Nella Mafia, si chiama Omertà, nella chiesa si chiama Leggi tutto… “● Chiesa di Cristo o Organizzazione Mafiosa?”

marzo 9th, 2012 Posted by | Cattivi operai, Compromessi, Diotrefe, Falsi Dottori, Falsi fratelli, Lupi rapaci, Organizzazioni Religiose, Scandali, Servi di Mammona, Servizio a Mammona, Statuto ADI | no comments

● “Non diventate schiavi degli uomini” (1 Corinzi 7:23)


‘State attenti al suon della tromba’ (‘Non diventate schiavi degli uomini’)

(111 minuti – scarica mp3)


__________________

 

“…Dichiarandomi disposto ad accettarne tutte le regole vigenti”.

 

E quali sarebbero tutte queste “regole vigenti” a cui generalmente sono indotte a sottoscrivere i membri delle Chiese ADI (Assemblee di Dio in Italia) tramite il modulo che vedete qui a fianco (modulo tratto dal libro molto conosciuto nelle ADI: ‘Il battesimo, perchè?’ scritto da Francesco Toppi, pubblicato ancora oggi da ADI Media) per essere accettati come membri “comunicanti”?

Domanda più che lecita.

Credo però che la maggioranza degli stessi non ne sono nemmeno a conoscenza, eppure viene loro richiesto un vero e proprio “patto di fedeltà” tramite la loro firma con tanto di data che non è, come molti erroneamente pensano, solo un semplice modulo per il “registro di Chiesa”, ma molto, molto di più.

Qui si parla di Leggi tutto… “● “Non diventate schiavi degli uomini” (1 Corinzi 7:23)”

novembre 2nd, 2011 Posted by | ADI (Assemblee di Dio in Italia), Comandamenti d'uomini, Francesco Toppi, Legalismo, Membri comunicanti ADI, Statuto ADI | no comments

● Elenco di errori dottrinali o cose da biasimare nelle Assemblee di Dio in italia (ADI)

Massima Attenzione!

Per comprendere il motivo dell’immagine col cobra, il logo Massonico dietro quello delle ADI e le affermazioni sovrascritte (da porvi bene mente), scaricate e leggete l’ultimo libro di Giacinto Butindaro:

“La massoneria smascherata: contro l’infiltrazione e l’influenza di questa diabolica istituzione nelle Chiese Evangeliche”.

La Massoneria Smascherata – Pdf (per Pc)

La Massoneria Smascherata – ePub (per Tablet, Smartphone)

La Massoneria Smascherata – Mobi (per Kindle)

_____________________________

“Il beffardo non ama che altri lo riprenda; egli non va dai savi.” - “Non riprendere il beffardo, per tema che t’odi; riprendi il savio, e t’amerà. Istruisci il savio e diventerà più savio che mai; ammaestra il giusto e accrescerà il suo sapere.” (Proverbi 15:12 – 9:8,9)

“Mi percuota pure il giusto; sarà un favore; mi riprenda pure; sarà come olio sul capo; il mio capo non lo rifiuterà” (Salmo 141:5)

Per anni nelle Assemblee di Dio in Italia, molti errori dottrinali hanno potuto diffondersi senza che nessuno potesse far levare con forza la sua voce per reclamare o protestare, e così nel silenzio, una parte del popolo di Dio doveva con rammarico rassegnarsi nel vedere “sommi pastori” permettersi di insegnare addirittura cose di cui non c’era traccia nella Bibbia senza che fosse possibile confutarne il contrario pena la “scomunica”, e in alcuni casi (vedi ad esempio Roberto Bracco), addirittura l’espulsione dall’organizzazione nel caso che qualcuno si permettesse di obiettare o dissentire a ciò che, insegnato da costoro, non era conforme alla Parola di Dio!

Non parliamo poi dei casi di quei fratelli che dovevano subire per giunta l’umiliazione da costoro d’esser poi perfino ripresi dal pulpito con predicazioni ad “hoc”, studiate apposta per loro, nella metodologia ormai classica del linguaggio e del modo di fare di questi cosiddetti “ministri” di Dio, fatto da minacce, allusioni e doppi sensi, mai franco e chiaro.

Riprensioni dal pulpito, naturalmente senza il diritto di replica…

A molti fratelli dunque, non rimaneva che uscire dalle ADI, difatti molte comunità evangeliche dette comunemente chiese libere, sono sorte negli anni proprio (anche se non sempre) per questi motivi.

Roberto Bracco ad esempio, che fù ed è tuttora un pastore molto stimato (infatti ancora oggi le radio evangeliche trasmettono spesso i suoi sermoni), poiché evidenziò in un libro di come l’organizzazione stava prendendo il sopravvento ai dettami della Parola di Dio, fu espulso dalle Assemblee di Dio. Naturalmente la maggioranza dei fedeli delle ADI non conobbero mai i veri motivi.

Ma adesso, grazie a Dio le cose sono cambiate!

Ora finalmente, con un semplice Leggi tutto… “● Elenco di errori dottrinali o cose da biasimare nelle Assemblee di Dio in italia (ADI)”

ottobre 20th, 2010 Posted by | ADI (Assemblee di Dio in Italia), ADI-Media, Apostasia, Assemblee di Dio in Italia, Charles Haddon Spurgeon, Comportamenti sconvenienti, Davide di Iorio, Eliseo Fragnito, Errori dottrinali, Errori Dottrinali nelle ADI, Falsi insegnamenti, Felice Antonio Loria, Francesco Toppi, Paolo Lombardo, Pastori ecumenici, Riprensione privata, Riprensione Pubblica, Roberto Bracco, Statuto ADI | 2 comments

● Contro lo Statuto e il Regolamento delle ADI

Confutazione dello Statuto e del Regolamento interno delle Assemblee di Dio in Italia (ADI)

Affinché tutti coloro che sono rimasti incatenati dagli statuti e dalle regole umane delle ADI (e delle altre denominazioni evangeliche che hanno statuti e regole simili) possano recuperare la libertà spirituale perduta.

_________________

Capitolo 1 – Origini dello Statuto e del Regolamento
Capitolo 2 – Struttura e organizzazione delle ADI
Capitolo 3 – Confutazione

Download libro completo in pdf

___________________________________________________

Capitolo 1

Origini dello Statuto e del Regolamento Interno

Le Assemblee di Dio in Italia, che sono la denominazione pentecostale più grande in Italia, hanno uno Statuto (come peraltro altre denominazioni evangeliche), che è entrato in vigore alla approvazione governativa dell’Ente, avvenuta con decreto del Presidente della Repubblica, in data 5 Dicembre 1959, n. 1349.

Ma qual è l’origine di questo Statuto? E’ quello che vi spiegherò in questa prima parte, e per spiegarvelo nella maniera migliore dovrò partire da lontano, e precisamente dalle origini del Movimento Pentecostale in Italia. Leggi tutto… “● Contro lo Statuto e il Regolamento delle ADI”

settembre 26th, 2010 Posted by | ADI (Assemblee di Dio in Italia), ADI-Media, C.E.I.A.M., Chiesa Apostolica, Chiesa Luterana, Chiesa Valdese, Chiese Elim, Ernesto di Biagio, Ettore Strappaveccia, Francesco Galvano, Francesco Toppi, Giacomo Lombardi, Giorgio Rochat, Giovanni Ferri, Giovanni Sola, Giuseppe Petrelli, Giuseppina Zollo, Guido Buffarini-Guidi, Intesa ADI con lo Stato Italiano, Istituto Biblico Italiano, Istituto Evangelico Betania - Emmaus, Istituto Evangelico Betesda, Istituto Evangelico Eben-Ezer, Ivo Nardi, Lucia Menna, Luigi Francescon, Michele Palma, Pietro Ottolini, Quirino Pizzini, Regolamento Interno Assemblee di Dio in Italia, Roberto Bracco, Segretario Consiglio Generale delle Chiese ADI, Silvano Lilli, Statuto ADI, Storia della Chiesa, Umberto Gorietti, Vincenzo Castelli, Vincenzo Federico | no comments