Egli è altresì scritto…

Blog di Nicola Iannazzo

● L’albero di Natale è un’usanza pagana, e quindi non va fatto

 

Share

dicembre 23rd, 2010 Posted by | Albero di Natale, Cattolicesimo Romano, Natale, Usanze pagane | 4 comments

4 Responses to “● L’albero di Natale è un’usanza pagana, e quindi non va fatto”

  1. Carissimo fratello nel Signore , mi chiamo Giorgio e ritengo che per quanto sai opportunamente ribattere ogni situazione che non è conforme alla Parola di Dio è di questo trovo molto particolarmente edificante nell’essere concordo alle tue confutazioni ! Desidero sapere se Maria madre di Gesù per quanto sia stata scelta secondo i piani di Dio prima che fosse una giovane vergine e dopo il concepimento per mezzo dello Spirito Santo era già peccatrice essendo discendente dai suoi progenitori di Adamo ed Eva . Per tale quesito è questa la risposta o che c’è ne sia un’altra !
    Ti saluto con tanto affetto in Dio Padre , Dio Figlio e Dio Spirito Santo !

  2. Pace a te Giorgio
    Ho appena postato un breve studio tratto dal libro “La Chiesa Cattolica Romana” di Giacinto Butindaro, scaricabile liberamente qui in pdf che risponde ai tuoi quesiti. I due messaggi di predicazione inseriti toccano anch’essi questi argomenti.

    Il link allo studio è il seguente:
    ● L’unica “immacolata concezione” nella Bibbia è quella di Gesù!

    Comunque la risposta è si, Maria era già peccatrice sin dalla sua nascita, e questo lo possiamo affermare con assoluta certezza in quanto la Bibbia afferma che: “tutti hanno peccato e son privi della gloria di Dio” (Romani 3:23).

    - Il salmista conferma che tutto il genere umano nasce nel peccato (tranne Gesù) quando dice: “Ecco, io sono stato formato nella iniquità, e la madre mia mi ha concepito nel peccato” (Salmo 51:5)

    - Se inoltre Maria fosse stata senza peccato non avrebbe avuto bisogno di offrire il sacrificio per la purificazione richiesto dalla legge di Mose che dice: “E se (ella) non ha mezzi da offrire un agnello, prenderà due tortore o due giovani piccioni: uno per l’olocausto e l’altro per il sacrifizio per il peccato. Il sacerdote farà l’espiazione per lei, ed ella sarà pura” (Levitico 12:8). Cosa che in Luca 2:22,24 vediamo proprio che Maria fece.

    - Infine lei stessa dichiara di aver bisogno di un Salvatore quando riconobbe che Dio era il suo Salvatore dicendo: “L’anima mia magnifica il Signore, e lo spirito mio esulta in Dio mio Salvatore” (Luca 1:46,47), ciò dimostra che ella non era nata senza peccato, perché in tale caso non avrebbe chiamato Dio suo Salvatore e non avrebbe avuto bisogno di essere salvata.

    La grazia del Signore sia con te

  3. Ciao!
    Ho letto questo articolo perché volevo sapere l’origine del albero di natale. Lo so che l’albero viene da qualche festa pagana.

    Le volevo dire solo che forse lei non ha fatto caso ma il velo non è una usanza che si usava ai tempi degli apostoli.
    La parola velo è usata solo nella traduzione italiana, ho guardato diverse traduzioni come inglese, russo e romeno ed in tutte 3 è tradotto come “si deve coprire” ed non è specificato il velo ma come anche in italiano se si legge attenuamenti si capisce che si parla dei capelli.

    La natura stessa non v’insegna ella che se l’uomo porta la chioma, ciò è per lui un disonore? Mentre se una donna porta la chioma, ciò è per lei un onore; perché la chioma le è data a guisa di velo. (EPISTOLE DI S. PAOLO I AI CORINZI 11:14, 15 RDV24)

    Se puoi il velo fosse una cosa così importante sarebbe stato ripetuto in diversi posti della bibbia ma le persone sono abituate a guardare al aspetto esteriore ed è anche per questa che molti credenti si curano in maggior parte di questo aspetto , mentre del aspetto interiore si dimenticano.

    Adesso ormai nelle chiese devono essere tutti vestiti uguali, è cioè devono avere tutti i gusti dei vestiti che ha il pastore, ma forse non c’è scritto nella bibbia qual’è il frutto dello spirito che deve un credente portare davanti a Dio?

    Il frutto dello Spirito, invece, è amore, allegrezza, pace, longanimità, benignità, bontà, fedeltà, dolcezza, temperanza; (EPISTOLE DI S. PAOLO AI GALATI 5:22 RDV24)

    Fatte attenzione come leggete la bibbia.

    Peace!

  4. Tu dici: ” …anche in italiano se si legge attenuamenti si capisce che si parla dei capelli”.

    Le cose non stanno come dici tu e cioè che in 1° Corinzi 11 Paolo parlerebbe dei capelli delle donne come di velo e non di un velo vero e proprio da porre sulla loro testa e perciò SOPRA i loro capelli, dato che altrimenti lo stesso tuo errato ragionamento si dovrebbe applicare anche all’uomo.
    Difatti in 1° Corinzi 11:4 si legge:

    “Ogni uomo che prega o profetizza a capo coperto fa disonore al suo capo”.

    Stando al tuo ragionamento quindi se i capelli della donna equivalgono ad un velo con cui esse coprono le loro teste, per forza di cose anche i capelli dell’uomo equivarrebbero ad un copricapo posto sulle loro teste, sicché per non disonorare il loro proprio capo, cioè Cristo, tutti gli uomini dovrebbero rasarsi la testa…

    Perciò qui se c’è qualcuno che deve fare attenzione a come legge la bibbia sei invece proprio tu.

    Leggiti questi studi sul velo:

    1) http://www.sentieriantichi.org/temi_caldi/velo_08_velo-glossario-bibbia.html

    2) http://www.sentieriantichi.org/temi_caldi/velo.html

    3) http://nicolaiannazzo.org/2012/02/15/%E2%97%8F-il-velo-un-comandamento-con-un%E2%80%99applicazione-permanente-e-universale/ (con file audio)

_____________________________________________________________________________
In questa sezione puoi lasciare dei commenti che vi ricordo su questo blog sono moderati, cioè soggetti all'approvazione dell'amministratore.
I commenti che lascerete NON SARANNO fatti passare se sono ANONIMI (cioè privi di nome e soprattutto COGNOME) oppure se sono commenti OFFENSIVI, VOLGARI o INSENSATI.

Vedi anche: "Avviso ai visitatori"